Peñagolosa, secondo monte più alto della Comunità Valenciana

Il Peñagolosa, chiamato in valenciano Penyagolosa, è il secondo monte più alto di tutta la comunità valenciana. E’ situato nella provincia di Castellón. A precederlo è il Cerro Calderón. Il terzo più alto è invece il Sierra Calderona.

Il Peñagolosa fa parte del sistema iberico, ed è il suo quinto picco più alto. Da questa cordigliera lunga 500 km e larga 100 km nascono il fiume Turia, il Tago, il Duero e il Jùgar.

La punta più alta del monte è 1813 metri sopra il livello del mare. La vista che ci regala è stupenda, si vede dall’alto tutto Castellón. e inoltre, ci permette di ammirare anche il santuario di San Juan de Peñagolosa, che ogni anno riceve ben 5 pellegrinaggi.

La vetta di questa montagna è diventata per gli appassionati di escursionismo una meta importante. Sentieri, colline da attraversare e scogliere incredibilmente belle. Su questo monte abbondano vari tipi di albero, primo tra tutto il pino rosso e nero. Ci sono poi l’acero, il tiglio, l’agrifoglio, la quercia dei Pirenei… Nei vari dirupi invece, crescono piante rare come ad esempio il geranio Cavanillas, pianta che prende nome dal botanico spagnolo che l’ha scoperto. Animale degno di nota è sicuramente l’aquila reale! Ci sono poi anche il falco pellegrino e l’astore. Il mammifero più comune è lo stambecco.

La vetta del Peñagolosa è composta da due speroni. Quello occidentale appartiene al comune di Villahermosa del Rio. Quella più orientale invece, segna il confine tra Villahermosa del Rio, Chodos e Vistabella de Maestrazgo (tre paesini in provincia di Castellón.). Le pareti sud della montagna rocciosa sono scogliere verticali di circa 300 metri, ideali per gli scalatori. La parte settentrionale invece permette un accesso più facile.

I 1000 ettari del Parco Naturale Penyagolosa, comprende molte vette e sentieri. Non è un caso se è tra le mete più amate degli alpinisti. Tenendo di conto però che ci sono alcuni punti pericolosi, è molto importante non avventurarsi su verso la vetta senza le adeguate conoscenze. Una gita fuori porta però, che riesce a regalare emozioni fantastiche! Un full immersion nel verde della comunità valenciana, che vi aiuta a raggiungere la calma interiore.

Credit Photo: Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *