Consigli per le escursioni

Le escursioni sono un buon modo per vivere al meglio le giornate. Fare escursionismo consente di vedere moltissimi posti di smisurata bellezza. Alcuni paesaggi si possono definire “statici”, mentre altri cambiano durante il cammino.

Queste lunghe camminate ci possono portare in ambienti unici dove la natura domina indistintamente. Ruscelli, fiumi, laghi, cascate, aree boschive e quant’altro ci può fornire madre natura. Questo genere di attività è rilassante per la mente e inoltre mantiene in forma. Basta pensare che camminare è già di per se terapeutico!

Tutti i posti che al momento abbiamo visitato si sono reputati uno migliore dell’altro. Ovviamente non gli abbiamo visti in ordine di bellezza, molti infatti gli abbiamo scoperti per caso. L’escursionismo è anche questo, ovvero avventurarsi in zone spesso ignorate dalle persone, o dove non vi sono tracce del loro passaggio.

Giunti dall’Italia e arrivati in Spagna, ci abbiamo messo un po’ per capire come muoverci. Le priorità erano trovare una sistemazione adatta al nostro caso e naturalmente alle possibilità economiche.

Dopodiché sono iniziate le prime escursioni a Valencia, una dopo l’altra hanno aumentano vertiginosamente il desiderio di andare sempre più in là, verso zone naturali e totalmente lontane da qualunque cosa possa ricordare la città!

L’escursionismo è respirare aria pulita, incontrare molte specie di animali, condividere una grande esperienza con qualcuno, rimanere affascinati dall’ambiente e dalla fauna… insomma possiamo definire queste attività come un modo per entrare in contatto con la natura e noi stessi.

8 consigli utili per fare escursionismo

1. Zaino e cibo

Vi serve il giusto equipaggiamento, quindi una zaino ben fornito. Dovete calcolare quanto tempo desiderate rimanere fuori nella natura. Una giornata intera (un ottimo modo per vivere al meglio l’avventura) per esempio deve essere ben organizzata. Quindi acqua, così che possiate bere in qualunque momento, da mangiare (anche un panino), la scelta è vostra ma ricordate che il cibo attira gli animali quindi è bene consumarlo e non portarselo sempre con se. Di notte per esempio se rimanete accampati nella vostra tenda, siete sicuri di voler aver un cestino delle merende che possa attirare ogni genere di animale, comprese le formiche?

In caso di pernottamento vi serve una tenda oppure un sacco a pelo, questo almeno se volete dormire sotto le stelle. Sappiate comunque che per quanto riguarda il campeggio a Valencia sono necessari dei permessi, ma di questo ne parleremo in un prossimo articolo.

2. Lascia pulito

Tutti gli escursionisti devono avere sempre con se una busta di plastica, per non lasciare niente in giro ovviamente! Qualsiasi cosa vi capita di utilizzare, ricordatevi di pulire dopo. Una svista può capitare, ma perché inquinare una zona che era perfetta fino a un secondo prima?

3. Torcia

Non deve mancare la luce, quindi una torcia è utilissima. Dovete portarla sempre con voi. Per precauzione e buona abitudine non dimenticatela neppure nelle giornate dove siete certi che non vi possa servire.

4. Kit di pronto soccorso

Kit di pronto soccorso, non è certo un discorso di scaramanzia ma piuttosto un modo per evitare qualunque spiacevole conseguenza. Probabilmente non servirà mai, ma è sempre consigliabile averlo con se.

5. Batteria dello smartphone al 100%

La batteria del vostro smartphone deve risultare sempre carica. Sembra scontato come suggerimento ma non è così! Quante volte infatti siete usciti con il telefono scarico? Sicuramente un milione di volte. È normale che questo accada, l’unica differenza è che se siete in un posto isolato non è tanto piacevole. Oltre a ricordarvi quanto appena detto potete portare con voi un power bank, ossia le batterie portatili. Questi strumenti possono fornire una carica in più al vostro smartphone. In tal modo quando la batteria del telefono sarà completamente a zero, ecco che il power bank trova la sua utilità.

6. Avvisate sempre qualcuno

Parenti, amici o personale del posto in cui siete per il pernottamento. Per esempio se dovete seguire un sentiero di montagna, informate l’albergatore dove siete diretti. In modo da ottenere aiuto se necessario. Ovviamente dovete essere voi a valutare caso per caso in base al luogo dove andate. Questo punto è importantissimo. Ricordate che questo consiglio risulta utile per evitare spiacevoli situazioni.

7. Abbigliamento giusto

Naturalmente a seconda della stagione, della località e del possibile orario (mattino-pomeriggio) l’abbigliamento può cambiare! Noi vi diamo una guida generica, ovvero una lista di cosa dovrebbe essere nel vostro zaino quando siete a fare un escursione: occhiali da sole, per proteggere i vostri occhi. Cappello, possibilmente munito di visiera. Maglie e biancheria intima. Entrambe sono da portare in più così da avere un cambio sempre a portata di mano.

Non devono mancare 1-2 maglioni pesanti e una giacca a vento. Infine ricordiamo un paio di scarponi, dei guanti (che possono scaldarvi) e una felpa di pile.

Nota bene: Nella Comunità Valenciana non potete fare campeggio libero senza il preventivo permesso e all’interno delle aree apposite. Quindi programmate le vostre escursioni in modo da tornare indietro prima che faccia buio.

8. Scarpe giuste

In assoluto devono essere comode dato che dovrete camminare per un po’. Specifichiamo che nei percorsi da seguire (dei quali parliamo nel sito) non vi sono zone che prevedono chissà quale tipo di attrezzatura o indumento. Insomma, non siete mica a scalare il monte Everest ma a fare del semplice escursionismo! Comunque scegliete dei prodotti buoni e che risultino ottimi per fare trekking. Naturalmente dovete calcolare il percorso da fare prima o comunque l’uso che pensate di fare con le vostre nuove scarpe. I piedi ci portano ovunque e proprio in questi momenti ci rendiamo conto di quanto sono utili delle scarpe buone per fare trekking.

Vediamo adesso alcuni suggerimenti per l’acquisto delle scarpe:

  • La suola dentellata serve per aderire meglio al terreno durante le escursioni
  • La scarpa deve essere impermeabile nonché traspirante
  • La flessione della caviglia non deve risentirne durante i vostri spostamenti
  • Per una miglior camminata la scarpa deve risultare leggera
  • Tenete presente che il materiale deve essere ottimo, così che duri di più nel tempo

Quanto abbiamo detto sono suggerimenti veloci e generici. In un prossimo articolo parleremo proprio delle scarpe da scegliere per fare trekking e approfondiremo tutte le altre cose accennate in questo post!

Add Comment